Emilia Romagna, Contributi per la transizione tecnologica e digitale
WhatsApp Telefono E-mail

Emilia Romagna, Contributi per la transizione tecnologica e digitale

Aggiornato al 9/11/2022

POR FESR 2021/2027 Azione 1.2.3. “Sostegno per la digitalizzazione delle imprese, incluse azioni di sistema per il digitale”. 25 milioni di euro a favore delle imprese.

Obiettivo del Bando

Con una stanziamento di 25 milioni di euro, questo bando sostiene progetti innovativi dell’importo minimo di € 20.000, finalizzati alla trasformazione tecnologica e digitale delle imprese.

In particolare, i progetti potranno riguardare le seguenti forme di trasformazione:

  1. digitalizzazione base: ovvero quella finalizzta a favorire un primo passo verso l’ottimizzazione delle funzioni aziendali;
  2. digitalizzazione avanzata: ovvero finalizzata all’introduzione di una delle tecnologie abilitanti previste dal piano nazionale impresa 4.0 (Internet delle cose, Big data analytics, Integrazione orizzontale e verticale dei sistemi, Simulazioni virtuali, Robotica, Cloud computing, Realtà aumentata, Stampanti 3d, Cybersecurity), compreso l’adattamento di impianti esistenti ad almeno una delle suddette tecnologie;

e potranno essere realizzati per implementare:

  1. soluzioni tecnologiche digitali nei processi interni all’impresa;
  2. soluzioni tecnologiche digitali di filiera, con particolare riguardo a quelle riguardanti le specializzazioni produttive previste nella “Strategia di ricerca e innovazione per la specializzazione intelligente 2021/2027” (S3).

Beneficiari

Possono presentare domanda le micro, piccole e medie imprese (PMI) (v. parametri dimensionali imprese) con unità operativa in Emilia Romagna,  indipendentemente dalla loro forma giuridica e del settore di attività (v. manifatturiero, commercio turismo e servizi).

(V. i requisiti generalmente richiesti per poter partecipare ai bandi per contributi pubblici).

Spese ammissibili

Sono ammissibili le spese fatturate nel periodo intercorrente tra il 1 luglio 2022 e il 31 dicembre 2023, e relative a:

  1. Acquisto di strumenti, attrezzature, macchinari hardware (ivi comprese le spese di trasporto), software e/o servizi erogati nella soluzione cloud computing e SAAS (Software as a service);
  2. Realizzazione di piccoli interventi edili, murari e di arredo strettamente collegati e funzionali all’installazione di strumenti, macchinari e attrezzature (nella misura massima del 10% della voce di spesa indicata nella precedente punto 1) e comunque per un importo massimo di 10.000,00 €);
  3. Acquisizione di consulenze specialistiche legate all’implementazione dei processi oggetto di intervento (nella misura massima del 30% della voce di spesa indicata ai punti 1 e 2, e comunque per un importo massimo pari a 20.000,00 €);
  4. Costi generali per la definizione e gestione del progetto, compreso l’addestramento del personale per l’acquisizione delle nuove competenze richieste per effetto dell’implementazione del progetto di digitalizzazione (al tasso forfettario pari al 5% della somma delle voci di spesa indicate ai punti 1, 2 e 3

Tipo e misura di agevolazione

L’agevolazione consiste in un contributo a fondo perduto, nella misura pari al 40% delle spese ammesse, e comunque nella misura massima di € 150.000.

La misura del contributo è incrementata del 5% nel caso in cui, al momento della presentazione della domanda, ricorra una o più delle seguenti ipotesi:

  • Il progetto abbia una ricaduta in termini occupazionali;
  • L’impresa richiedente abbia una rilevanza della presenza femminile oppure giovanile;
  • Per le imprese con fatturato annuo pari o maggiore a € 2 mln se siano in possesso del rating di legalità;
  • Nel caso in cui il proponente operi, con riferimento alla sede dell’intervento, in particolari aree/zone.

Il contributo sarà concesso nell’ambito del “Regime de minimis (Regolamento (UE) N. 1407/2013 della Commissione del 18 dicembre 2013), per cui, prima di procedere alla predisposizione della domanda, l’impresa interessata dovrà verificare lo stato di capienza del proprio de minimis.

Criteri di valutazione dei punteggi

I progetti dovranno verranno valutati nel merito sulla base dei seguenti parametri:

QUALITA’ TECNICA

  1. Chiarezza nella definizione degli obiettivi e loro coerenza con quelli del Bando;
  2. Attesa capacità di miglioramento delle performance aziendali (riduzione costi, efficienza amministrativa, sviluppo aree strategiche);
  3. Inserimento del progetto in una strategia complessiva volta allo sviluppo manageriale dell’impresa.

QUALITA’ ECONOMICA FINANZIARIA

  1. Sostenibilità ed economicità del progetto (CP/F<20%)
  2. Congruenza tra piano finanziario e obiettivi del progetto.

Modalità erogazione contributo e regole per rendicontazione

L’erogazione del contributo avverrà in un’unica soluzione, a seguito della realizzazione del progetto e della corretta rendicontazione dello stesso.

Nell’attesa di ricevere le linee guida per la rendicontazione, si anticipa quanto segue:

  • La data ultima per poter effettuare i pagamenti delle spese ammesse, così come per inviare la richiesta di liquidazione del contributo, è il 28 Febbraio 2024;
  • Le fatture e le causali di pagamento delle spese ammesse dovranno riportare il CUP (codice identificativo del progetto) che verrà comunicato al termine dell’istruttoria. A coloro che riceveranno fatture ed effettueranno spese prima di tale comunicazione, verrà richiesto di fornire dichiarazione sostitutiva di atto notorio che attesti la coerenza tra dette spese ed il progetto;
  • Anche se il Bando prevede diverse modalità di pagamento (purché tracciabili), ci raccomandiamo affinchè la modalità di pagamento utilizzata sia quella del bonifico bancario, modalità meglio tracciabile in sede di controlli;
  • I pagamenti devono riguardare singole fatture. NON sono ammessi pagamenti cumulativi,
  • Si ricorda che il contributo è cumulabile con altre agevolazioni che NON si configurano come aiuti di stato (v. bonus fiscali industria 4.0, per info v. https://www.forlaniconsulting.eu/mise-credito-di-imposta-ricerca-sviluppo-e-innovazione/)

Disclaimer. Il contenuto del presente Documento è a scopo esclusivamente informativo e non può essere considerato esaustivo né costituire parere o consulenza professionale, né è inteso a fini commerciali, di relazione o di transazione con i clienti. Si declina quindi ogni responsabilità in merito ad azioni od omissioni basate sull’utilizzo delle informazioni contenute nel presente Documento.

 

Sottoponici il tuo progetto per un check up gratuito

Check up gratuito

Hai bisogno di chiarimenti?

Perché non ti iscrivi alla newsletter?

Nuovi bandi, nuovi successi, ultimi aggiornamenti… Tieniti aggiornato su tutte le novità iscrivendoti alla nostra newsletter.

Referenze

Orgogliosi di essere stati scelti…

Chi ci ha scelto