PNRR contributi per grandi progetti nel turismo

Obiettivo generale

Dovrebbero ammontare a 1.7 miliardi di euro le somme stanziate per il rilancio del turismo con il decreto  Recovery Plan, approvato dal Consiglio dei Ministri il 27 ottobre 2021, in attuazione del PNRR.

Tale stanziamento dovrebbe essere, tra l’altro, suddiviso come segue:

  • 500 milioni per le agevolazioni sotto riportate (bonus fiscale e contributo a fondo perduto);
  • 180 milioni per un fondo rotativo (GDP) per realizzare interventi di riqualificazione di interventi di maggiori dimensioni (tra i 500 mila e i 10 milioni). In questo caso, il contributo a fondo perduto dovrebbe essere del 35%;
  • 358 milioni per una sezione del Fondo di garanzia interamente dedicata al comparto turismo, per sostenere il tessuto imprenditoriale e sviluppare nuove professionalità;
  • 500 milioni per lo sviluppo di nuovi itinerari pedonali (turistici e culturali), compreso il ripristino delle linee ferrovie storiche;
  • 98 milioni per la digitalizzazione dei servizi delle agenzie di viaggio e tour operator (credito di imposta del 50% fino ad un massimo di 25.000);
  • 150 milioni per il rafforzare strutture e valorizzare asset immobiliari.

Tali stanziamenti potrebbero inoltre essere oggetto di ulteriore sostegno.

Il presente articolo fornisce alcune anticipazioni relative nello specifico alla misura “Fondo rotativo imprese (FRI) per il sostegno alle imprese e gli investimenti di sviluppo. Misura M1C3, intervento 4.2.5 nell’ambito del PNRR” (di seguito “il Bando”).

Le relative informazioni sono state acquisite da bozze del decreto in oggetto e da alcuni articoli pubblicati dai quotidiani nazionali.

Obiettivo specifico del Bando

L’obiettivo di questa misura è sostenere progetti di investimenti nel settore turismo di importo compreso tra 500.000 e 1o milioni di euro, da realizzarsi entro il 31.12.2025.

Beneficiari

Possono richiedere le agevolazioni previste dal Bando le imprese che esercitano una delle seguenti attività:

  • Imprese alberghiere
  • Agriturismi
  • Strutture ricettive all’aria aperta
  • Stabilimenti balneari
  • Campeggi
  • Porti turistici
  • Parchi tematici
  • Complessi termali
  • Fiere
  • Congressi

Agevolazione

L’agevolazione consiste in un contributo a fondo perduto pari al 35% dell’importo ammesso.

Per la parte non coperta dal contributo a fondo perduto, è previsto il riconoscimento di un finanziamento agevolato, della durata di 15 anni, comprensivo di 3 anni di ammortamento.

Spese ammissibili

Sono ammissibili le spese relative a interventi per:

  • Riqualificazione energetica:
  • Sostenibilità ambientale;
  • Innovazione digitale.

Cumulabilità e regime di aiuto

Le agevolazioni di cui al presente Bando NON sono cumulabili con:

Le agevolazioni in questione sono concesse nell’ambito dei limiti previsti dal Temporary Framework.

Disclaimer

Il contenuto del presente Documento è puramente informativo. Non può essere considerato esaustivo, né costituire parere o consulenza professionale. NON è neppure da intendersi a fini commerciali, di relazione o di transazione con i clienti. Si declina quindi ogni responsabilità in merito ad azioni od omissioni basate sull’utilizzo delle informazioni ivi contenute.

V. i servizi Forlani Finance

Finance

Newsletter

ho letto l’informativa riportata sul presente sito
presto il consenso a ricevere le newsletter dello studio