IFIT Bonus alberghi 80%: Sono 32 progetti Forlani Consulting ammessi

Risultati

In data 27 giugno 2022 è stato pubblicato sul sito del Ministero del Turismo la graduatoria di progetti ammessi a beneficiari delle agevolazioni previste del D.L. 152/2021, art. 1, Bonus alberghi 80% e contributi a fondo perduto del 50%.

Ebbene, sono oltre 30 i progetti assistiti da Forlani Consulting ai quali sono state risconosciute le agevolazioni previste, per un importo pari a quasi 7 milioni di Euro.

Come sempre: orgogliosi del risultato ottenuto e grati ai nostri Clienti per la fiducia accordata.

Chiarimenti dal ministero

l Ministero del Turismo ha pubblicato alcuni chiarimenti in relazione agli esiti del c.d. “Bonus Alberghi 80”, consultabili al seguente link: www.ministeroturismo.gov.it/art-1-dl-152-2021-chiarimenti/.

Importo (ridotto) delle agevolazioni concesse

Di seguito i criteri utilizzati per la determinazione delle agevolazioni concedibili ad ogni impresa:

  • È stata individuata la soglia media delle risorse da distribuire, pari ad € 162.162,16 (rapporto tra risorse disponibili e n. 3700 imprese);
  • Nei casi in cui l’agevolazione concedibile è risultata inferiore alla soglia media, l’agevolazione è stata riconosciuta integralmente;
  • Nei casi in cui l’agevolazione concedibile è risultata superiore alla soglia media, la riduzione dell’agevolazione è stata applicata percentualmente alla sola quota eccedente rispetto alla soglia, secondo quanto disciplinato dall’art. 2 dell’Avviso.

Interventi ammessi alle agevolazioni

Le imprese beneficiarie potranno visualizzare l’ammontare delle agevolazioni concesse in relazione a ciascun intervento richiesto attraverso la propria area riservata della piattaforma di Invitalia utilizzata per presentare la domanda.

RICORDIAMO CHE PER ACCEDERE AL VS. PROFILO è necessario seguito i seguenti step:

    1. da sito web www.invitalia.it, Cliccare su “area riservata”;
    2. Entrare utilizzando la Smat card (CNS) oppure lo SPID;
    3. Cliccare su “elenco incentivi” e scegliere “IFIT”;
    4. A questo punto dovrebbero essere ben visibili i dettagli della domanda e le motivazioni di eventuali tagli (servizio ancora non disponibile ad oggi). Attenzione a non richiedere modifiche o annullamenti della domanda inviata.

Si precisa che, a seguito di verifiche recentemente effettuate dal Ns. Studio, le informazioni in oggetto non risulterebbero ancora aggiornate.

Consigliamo comunque di effettuare tentativi nei prossimi giorni.

Ulteriori fondi

Si ritiene infine opportuno ricordare come il Ministero del Turismo abbia in corso interlocuzioni con il Ministero dell’Economia e della Finanze per reperire ulteriori risorse finanziarie che potranno essere destinate sia alla riduzione del taglio che allo scorrimento della graduatoria. Al momento risulterebbero già 300 i milioni disponibili da destinare allo scorrimento della graduatoria.

Possibilità di rimodulazione progetto

Il Ministero ha altresì previsto la possibilità per quei beneficiari che hanno ricevuto una agevolazione ridotta rispetto a quella prevista di poter ridurre / rimodulare i propri progetti affinchè le agevolazioni medesime corrispondano all’80% del progetto ammesso.

Principali aspetti del bando

Di seguito gli aspetti principali che riguardavano il bando:

Beneficiari

Possono richiedere le agevolazioni previste dal Bando le imprese che esercitano una delle seguenti attività:

  • Imprese alberghiere
  • Agriturismi
  • Strutture ricettive all’aria aperta
  • Stabilimenti balneari
  • Campeggi
  • Porti turistici
  • Parchi tematici
  • Complessi termali
  • Fiere
  • Congressi
  • Imprese titolari di diritti di proprietà degli immobili presso i quali si svolgono le attività di cui sopra.

(agevolazione) credito di imposta

Dovrebbe essere previsto un credito di imposta pari all’80% delle spese ammissibili, cedibile (in tutto o in parte) a terzi.

(agevolazione) contributo a fondo perduto

Per quanto rigaurda il contributo a fondo perduto, esso è previsto in misura pari al 50% della spesa ammissibile, fino ad un massimo di €100.000.

L’importo del contributo parte da € 40.000, aumentabile nei seguenti casi:

  • € 30.000 se la spesa è destinata per almeno il 15% a digitalizzazione e innovazione tecnologica e energetica;
  • € 20.000 per imprenditoria femminile e giovani under 35
  • € 10.000 per le imprese del mezzogiorno

Il contributo viene erogato a consuntivo, in una unica soluzione. E’ tuttavia possibile richiedere un anticipo di contributo nella misura del 30%, a fronte di idonea garanzia.

Cumulabilità agevolazioni

Il credito di imposta e il contributo a fondo perduto sono autonomi tra loro, e quindi cumulabili, ma nella misura massima costo del bene agevolabile. A titolo di esempio, se una agevolazione copre il 60% del costo del bene, l’altra non può superare il rimanente 40%.

Le agevolazioni in questione, invece, NON sono cumulabili con altre agevolazioni. Gli aiuti in oggetto sono concesse nel rispetto:

  • della normativa de minimis;
  • del quadro temporaneo per le misure di Stato a sostegno dell’economia nell’attuale emergenza Covid-19.

Spese ammissibili

inverterventi realizzati nel periodo tra novembre 2021 ed il 31/12/2024, e relativi a:

  • Progettazione lavori
  • Riqualificazione energetica
  • Messa in sicurezza antisismica
  • Eliminazione di barriere architettoniche
  • Ristrutturazione edilizia collegata ai precedenti lavori
  • Realizzazione di piscine termali (compreso acquisto di attrezzature)
  • Digitalizzazione delle strutture

Sulla base di quanto sopra indicato, pare che siamo ammissibili in maniera retroattiva le spese sostenute dopo novembre 2021, a condizione che i relativi cantieri siano stati avviati dopo febbraio 2020 e NON siano ancora conclusi.

Modalità di partecipazione e termini

La domanda andrà presentata in via telematica, dichiarando di essere in possesso di tutti i requisiti previsti dal bando.

Il giorno per l’invio delle domande dovrebbe essere comunicato entro il 20 febbraio 2022.

Disclaimer

Il contenuto del presente Documento è puramente informativo. Non può essere considerato esaustivo, né costituire parere o consulenza professionale. NON è neppure da intendersi a fini commerciali, di relazione o di transazione con i clienti. Si declina quindi ogni responsabilità in merito ad azioni od omissioni basate sull’utilizzo delle informazioni ivi contenute.

V. i servizi Forlani Finance

Finance

 

Newsletter

ho letto l’informativa riportata sul presente sito
presto il consenso a ricevere le newsletter dello studio