Industria 4.0: Credito di imposta beni strumentali
WhatsApp Telefono E-mail

Industria 4.0: Credito di imposta beni strumentali

Gli incentivi fiscali transizione 4.0 dovrebbero rappresentare il capitolo più ricco della prima parte di fondi del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR), dedicata a “digitalizzazione, innovazione, competitività e cultura e turismo”. Dovrebbero infatti ammontare a oltre 13 miliardi di euro i fondi destinati a tale piano, con l’aggiunta di ulteriori 5 miliardi di fondi nazionali extradeficit. Tra le misure in questione, i crediti di imposta per beni strumentali 4.0, ricerca, innovazione e design, e formazione legata alla transizione digitale 4.0.

Cosa riguarda il credito di imposta per beni strumentali

Strumento per incentivare investimenti in beni strumentali nuovi funzionali alla trasformazione tecnologica e digitale dei processi produttivi, quali in particolare:

  • Beni strumentali materiali tecnologicamente avanzati (Allegato A, L. 11 dicembre 2016, n. 232)
  • Beni strumentali immateriali funzionali ai processi di trasformazione 4.0 (Allegato B, L. 11 dicembre 2016, n. 232);
  • Altri beni strumentali materiali (beni diversi da quelli di cui al sopra citato Allegato A).

Chi può beneficiarne

Tutte le imprese titolare di reddito di imprese che prevedono i sopra indicati investimenti in strutture produttive ubicate all’interno del territorio nazionale.

In cosa consiste l’agevolazione

Credito di imposta nella misura delle aliquote di seguito indicate:

Misura del credito di imposta per il 2020

Per gli investimenti realizzati nel 2020, ovvero entro il 30.06.2021 a condizione che entro il 2020 l’ordine risulti accettato e sia stato pagato un acconto pari ad almeno il 20%:

  • Per i beni strumentali materiali tecnologicamente avanzati (Allegato A, L. 11 dicembre 2016, n. 232): 40% dell’investimento fino ad € 2,5 milioni, 20% per la quota di di investimenti oltre a 2.5 milioni e fino ad € 10 milioni;
  • Per i beni strumentali immateriali funzionali ai processi di trasformazione 4.0 (Allegato B, L. 11 dicembre 2016, n. 232): 15% del costo fino ad un massimo di costo ammesso di € 700.000;
  • Per i beni strumentali materiali  diversi da quelli di cui al sopra citato Allegato A: 6% del costo fino ad un massimo di costo ammesso pari ad €2 milioni.

Il credito di imposta è utilizzabile in compensazione in 5 quote annuali di pari importo, ridotte a 3 per gli investimenti beni immateriali, a decorrere dall’anno successivo a quello dell’avvenuta interconnessione.

Misura del credito di imposta per 2021

  • Per i beni strumentali materiali tecnologicamente avanzati (Allegato A, L. 11 dicembre 2016, n. 232): 50% dell’investimento fino ad € 2,5 milioni, 30% per la quota di di investimenti oltre a 2.5 milioni e fino ad € 10 milioni, 10% per la quota compresa tra € 10 milioni ed € 20 milioni;
  • Per i beni strumentali immateriali funzionali ai processi di trasformazione 4.0 (Allegato B, L. 11 dicembre 2016, n. 232): 20% del costo fino ad un massimo di costo ammesso di € 1 milione;
  • Per i beni strumentali materiali  diversi da quelli di cui al sopra citato Allegato A: 10% del costo fino ad un massimo di costo ammesso pari ad €2 milioni e 15% del costo per i beni funzionali allo smart working per quota di investimento fino a € 2 milioni.
  • Per i beni strumentali immateriali ordinari: 10% del costo per la quota di investimenti fino ad € 1 milione e 15% del costo per i beni funzionali allo smart working per la quota di finanziamento fino a € 1 milione.

Il credito di imposta è utilizzabile in compensazione in 3 quote annuali di pari importo a decorrere dall’anno successivo a quello dell’avvenuta interconnessione. Per le imprese con ricavi inferiori ad € 5 milioni, tale periodo è ridotto ad un anno.

Misura del credito di imposta per 2022

Per gli investimenti realizzati nel 2022, ovvero entro il 30.06.2023 a condizione che entro il 2022 l’ordine risulti accettato e sia stato pagato un acconto pari ad almeno il 20%:

  • Per i beni strumentali materiali tecnologicamente avanzati (Allegato A, L. 11 dicembre 2016, n. 232): 40% dell’investimento fino ad € 2,5 milioni, 20% per la quota di di investimenti oltre a 2.5 milioni e fino ad € 10 milioni;
  • Per i beni strumentali immateriali funzionali ai processi di trasformazione 4.0 (Allegato B, L. 11 dicembre 2016, n. 232): 20% del costo fino ad un massimo di costo ammesso di € 1 milione;
  • Per i beni strumentali materiali  diversi da quelli di cui al sopra citato Allegato A: 6% del costo fino ad un massimo di costo ammesso pari ad €2 milioni e 15% del costo per i beni funzionali allo smart working per quota di investimento fino a € 2 milioni.
  • Per i beni strumentali immateriali ordinari: 10% del costo per la quota di investimenti fino ad € 1 milione e 15% del costo per i beni funzionali allo smart working per la quota di finanziamento fino a € 1 milione.

Il credito di imposta è utilizzabile in compensazione in 3 quote annuali di pari importo a decorrere dall’anno successivo a quello dell’avvenuta interconnessione. Per le imprese con ricavi inferiori ad € 5 milioni, tale periodo è ridotto ad un anno.

Cosa può fare Corporate Studio Forlani

Analisi investimenti da assoggettare ad attività peritale al fine di:

  • Identificare i beni strumentali immateriali nuovi rispondenti ai requisiti di Industria 4.0
  • Identificare i beni strumentali materiali nuovi funzionali alla trasformazione tecnologica e/o digitale delle imprese in chiave Industria 4.0
  • Verificare la corrispondenza dei requisiti degli investimenti a quanto richiesto dagli allegati “A” e “B” alla Legge n. 232 del 11-12-16.
  1. Definizione del reale vantaggio economico per il cliente nell’applicazione di quanto previsto per il Credito d’Imposta per investimenti in beni strumentali.
  2. Realizzazione del fascicolo tecnico contenente:
    • Relazione tecnica sui singoli investimenti e corrispondenza degli stessi agli allegati “A” e “B alla Legge n. 232 del 11-12-16.
    • Rendicontazione investimenti; fatture, schema economico di riferimento.
    • Perizie giurate sui singoli investimenti eseguita da Ingegnere iscritto all’Albo.
    • Raccolta normative/circolari/interpretazioni in riferimento al Credito d’Imposta per investimenti in beni strumentali.

Vedi gli altri bandi attivi in questo periodo


Disclaimer. Il contenuto del presente Documento è a scopo esclusivamente informativo e non può essere considerato esaustivo né costituire parere o consulenza professionale, né è inteso a fini commerciali, di relazione o di transazione con i clienti. Si declina quindi ogni responsabilità in merito ad azioni od omissioni basate sull’utilizzo delle informazioni contenute nel presente Documento.

Sottoponici il tuo progetto per un check up gratuito

Check up gratuito

Hai bisogno di chiarimenti?

Perché non ti iscrivi alla newsletter?

Nuovi bandi, nuovi successi, ultimi aggiornamenti… Tieniti aggiornato su tutte le novità iscrivendoti alla nostra newsletter.

Referenze

Orgogliosi di essere stati scelti…

Chi ci ha scelto