Contributi per l’avvio di Start-up innovative in Emilia-Romagna [scaduto]

 

Cosa finanzia il bando

La Regione Emilia-Romagna incentiva investimenti di importo non inferiore ad € 80.000 finalizzati all’avvio di Start-up innovative nel territorio regionale. Il limite è ridotto a € 50.000 nei settori culturale, creativo e servizi ad alta intensità di conoscenza.

Chi può partecipare al bando

Società di capitali piccola dimensione, costituite dopo il 01 gennaio 2016 ed iscritte nella sezione Start-up innovative del Registro Imprese.

Tra i requisiti per tale iscrizione si citano:

  • Attività ad elevato contenuto tecnologico;
  • Valore della produzione fino a € 5.000.000;
  • Non distribuzione di utili;
  • Titolarità / licenza di un brevetto oppure raggiungimento di specifici livelli di spesa in ricerca o forza lavoro qualificata.

Sono esclusi alcuni codici Ateco di attività.

Quali contributi prevede il bando

Contributo a fondo perduto fino al 70% delle spese ammesse, erogato in un’unica soluzione posticipata. Contributo massimo pari ad € 100.000.

Le spese ammissibili

Spese sostenute a partire dal 01 gennaio 2020 ed entro il 31 dicembre 2020, relativamente a:

  1. Macchinari, attrezzature, impianti, hardware / software e arredi;
  2. Affitto e noleggio laboratori e attrezzature scientifiche;
  3. Acquisto di brevetti e licenze;
  4. Spese promozionali, inclusa la partecipazione a fiere ed eventi;
  5. Consulenze esterne specialistiche.

Quando presentare domanda

È possibile presentare domanda di agevolazione fino all’11 ottobre 2019 secondo modalità “a sportello” fino ad esaurimento risorse.


Disclaimer. Il contenuto del presente articolo è a scopo esclusivamente informativo e non può essere considerato esaustivo né costituire parere o consulenza professionale, né è inteso a fini commerciali, di relazione o di transazione con i clienti. Si declina quindi ogni responsabilità in merito ad azioni od omissioni basate sull’utilizzo delle informazioni contenute nel presente articolo.

Newsletter

ho letto l’informativa riportata sul presente sito
presto il consenso a ricevere le newsletter dello studio