Green Pass e adempimenti privacy

Con l’entrata in vigore del D.L. 21 settembre 2021 n. 127, è stato introdotto l’obbligo in capo a chiunque svolga un’attività lavorativa nel settore privato di possedere ed esibire la certificazione verde CoVid-19 (c.d. “Green Pass”) al momento dell’accesso ai luoghi di lavoro.

Ai fini di garantire il rispetto di tale obbligo, il datore di lavoro è tenuto a compiere le più opportune verifiche adottando adeguate misure organizzative (pena l’applicazione di una sanzione pecuniaria da € 400 a € 1.000).

Anche sul piano della tutela dei dati personali sono richiesti specifici adempimenti volti ad evitare trattamenti illegittimi anch’essi puniti con sanzioni pecuniarie.

Pertanto, risulta necessario adottare le seguenti misure:

  • Prevedere una specifica informativa;
  • Prevedere atto di nomina della persona che si occuperà del trattamento;
  • Aggiornare il Registro del trattamento.

Inoltre, sempre in un’ottica di tutela preventiva in caso di controlli, si ritiene necessario redigere apposita dichiarazione del datore di lavoro che attesti l’eventuale mancato ingresso del lavoratore in caso di mancata esibizione/invalidità del Green Pass.

Newsletter

ho letto l’informativa riportata sul presente sito
presto il consenso a ricevere le newsletter dello studio